Musicisti – Compositori

https://www.bestofitaly.net/wp-content/uploads/2020/10/iStock-453072503-1024x683.jpg
https://www.bestofitaly.net/wp-content/uploads/2020/10/iStock-1185599913-1024x684.jpg
https://www.bestofitaly.net/wp-content/uploads/2020/10/iStock-1208129757-1024x683.jpg
https://www.bestofitaly.net/wp-content/uploads/2020/10/iStock-1127603548-1024x575.jpg

“Forse la musica è la cosa più vicina all’amore. Ti eleva. Personalmente mi dà le emozioni più vicine a quelle che provo quando mi sento innamorato.” Ludovico Einaudi.

Il termine musica deriva dal greco musikos, relativo alle Muse. Originariamente il termine in questione non indicava una particolare arte, bensì tutte le arti delle Muse e rimandava, inoltre, ad un concetto molto vicino alla perfezione.

Svariati generi musicali hanno solcato l’onda dei tempi, scandendo e rappresentando le fasi storiche vissute dal Bel Paese. Per l’Italia la musica è stata, ed è ancora oggi, uno degli indicatori culturali dell’identità nazionale ed occupa, inevitabilmente, un ruolo importante nella società e nella comunità.

Il Made in Italy, di cui il network Best of Italy vuole esaltarne e promuoverne le eccellenze, non comprende soltanto prodotti tangibili ma include anche la produzione artistica, nel caso specifico, musicale.

Importanti ed illustri nomi si sono succeduti nel tempo, ciascuno con proprie caratteristiche, emozioni e sensazioni donate al pubblico.

Che si tratti di musica lirica o leggera, più o meno impegnata non fa differenza. L’estro italiano si riconosce immediatamente, è una firma inequivocabile sin dalla prima nota.

“La musica non va praticata per un tipo di beneficio che da essa può derivare, ma per usi molteplici, poiché può servire per l’educazione, per procurare la catarsi ed in terzo luogo per la ricreazione, il sollievo ed il riposo dallo sforzo.” Aristotele.

La musica è la compagnia ideale per studiare, per lavorare oppure quando si è soli in casa. Come non pensare alle ore trascorse in compagnia della musica durante il lockdown? Oppure quando c’è da festeggiare, non si può dimenticare la frase “musica Maestro”. La musica è presente nella nostra quotidianità; lì a disposizione per essere la colonna sonora delle nostre emozioni e dei vari momenti che caratterizzano quell’avventura meravigliosa chiamata vita.

Il network Best of Italy, vetrina per le eccellenze Made in Italy, presta attenzione ai professionisti dell’ambito musicale.

Prima di procedere alla descrizione dei numerosi professionisti che operano nel settore in questione, cerchiamo di spiegare cosa è la musica.

Si tratta, in realtà, del prodotto dell’arte di ideare e produrre una successione organizzata di suoni che risultino piacevoli all’orecchio, attraverso il sapiente utilizzo di appositi strumenti e della voce.

Dal punto di vista meramente tecnico, la musica altro non è che l’organizzazione dei suoni, dei rumori, dei silenzi nel corso del tempo e dello spazio.

Si tratta di arte in quanto la musica racchiude un complesso di norme pratiche atte a conseguire determinati effetti sonori, che riescono ad esprimere l’interiorità del professionista e dell’ascoltatore.

“La musica è la lingua dello spirito. La sua segreta corrente vibra tra il cuore di colui che canta e l’anima di colui che ascolta” Khalil Gibran.

Il musicista è colui che svolge, essendo dotato di particolare talento, una determinata attività in musica inerente alla creazione oppure all’esecuzione di composizioni strumentali, vocali e corali.

Con il termine compositore si designa il professionista che crea la musica. Il termine compositore, in senso generale, può essere utilizzato per designare quegli artisti provenienti da altre tradizioni musicali che creano musica. La composizione è trascritta su uno spartito tramite un sistema di simboli chiamato notazione musicale, basato sul sapiente utilizzo delle note musicali.

  L’arrangiatore, invece, è colui che modifica la composizione a seconda dell’esigenza dell’organo esecutivo, in alcuni casi mutandone lo stile musicale originale.

Al direttore d’orchestra è affidato il coordinamento artistico di un’orchestra dirigendone, seguendo scrupolosamente una partitura, l’esecuzione.

Il direttore di coro è il professionista che prepara i cantori all’esecuzione della propria parte attraverso le prove d’istruzione, li coordina artisticamente nelle prove di concertazione e ne dirige l’esecuzione musicale ed artistica.

Lo strumentista, come suggerito dal termine, suona uno strumento musicale.

Si parla di cantante riferendosi al professionista che impiega la propria voce nell’esecuzione del brano musicale.

Al didatta è affidata la formazione professionale degli operatori del settore musicale.

Le professionalità di cui sopra non sono mai univoche, nel senso che lo studio della musica abbraccia differenti rami portando alla nascita di professionisti caratterizzati da diverse specializzazioni.

Essere un professionista della musica richiede anni di studio presso i Conservatori (istituti di indubbia qualità presenti su tutto il territorio nazionale), pretende tempo, dedizione, passione ed amore per l’ambito in oggetto.

L’arte altro non è che l’esplosione incontrollata dell’amore. La musica ha il potere di toccare e suonare le corde dell’anima di ciascuno di noi. Tutto parte dall’amore, questo sentimento di cui si parla forse troppo ma che all’atto pratico, in alcuni casi, è particolarmente latente.

In fin dei conti, anche il network Best of Italy è nato dall’amore che i creatori nutrono per l’Italia e per le eccellenze Made in Italy.

“Dove c’è musica non può esserci nulla di cattivo” Miguel de Cervantes.

Scroll Up